Le tracce dell’uomo attraverso l’esplorazione dei siti e dei monumenti archeologici del nostro territorio

Il territorio abruzzese è custode di notevoli testimonianze storico-archeologiche che raccontano la storia millenaria degli uomini che da tempi assai remoti hanno popolato la penisola italiana. I musei, i siti e i parchi archeologici rappresentano le principali fonti materiali e documentarie dalle quali partire per ricostruire la storia insediativa che va dalle più antiche comunità di villaggio alla formazione delle città, dalla riorganizzazione del territorio in epoca medievale fino ai giorni nostri. Tutto ciò è oggi evidente nei siti di Grotta S. Angelo presso Ripe di Civitella del Tronto, nelle necropoli picene di Campovalano di Campli nel teramano e Fossa nell’aquilano, nell’articolato impianto urbanistico delle città romane di Alba Fucens e Amiternum, a Castel Manfrino e presso la Fortezza di Civitella del Tronto.

Attività:

  • Esplorazione del sito archeologico prescelto
  • Analisi ed interpretazione del contesto territoriale e ambientale del monumento
  • Come si cercano e come si schedano i singoli reperti archeologici
  • Le proprietà di alcuni materiali: pietra, argilla, metalli, vetro, legno, ecc.
  • Raccolta di annotazioni, foto e schede per l’ interpretazione delle informazioni
  • “Per una archeologia del contemporaneo”: una esperienza di indagine sul campo

ADATTO PER:
SCUOLA PRIMARIA (3^, 4^ E 5^ CLASSE) / SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO / SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO

LUOGO DI SVOLGIMENTO:
Musei e siti archeologici del territorio provinciale e regionale – Ambienti circostanti l’Istituto Scolastico